Come costruire un guardaroba minimalista

Il passaggio da un armadio fast fashion girevole a un guardaroba capsula è un modo significativo per praticare una vita sostenibile. Ma può anche essere travolgente, soprattutto all’inizio. Come consumatori, siamo condizionati dalla pubblicità (e, diciamoci la verità, dal capitalismo) ad acquistare vestiti regolarmente e ad aggiornare i nostri armadi per ogni stagione, occasione o tendenza.

Ma non deve essere così. Con pochi semplici e accessibili passaggi, tutti possiamo semplificare i nostri guardaroba, spendendoci meno tempo e denaro Riempimento i nostri armadi e più tempo per indossare ciò che ci fa sentire al meglio.

Creare la tua estetica minimalista non è mai stato così facile. Ecco come iniziare:


1. Pulisci il tuo armadio

Inizia a costruire il tuo armadio minimalista facendo l’inventario di ciò che hai attualmente. Ordina e organizza il tuo abbigliamento, separando gli articoli in tre pile distinte: donazioni, spedizioni e vestiti da tenere.

“In definitiva, la moda sostenibile consiste nell’indossare ciò che già possiedi e nel tenere i vestiti fuori dalle discariche. Spesso possiamo dare nuova vita ai nostri vestiti con pochi semplici aggiornamenti, come l’orlo.

Quando decidi cosa tenere, pensa alla frequenza con cui indossi un capo e se integra i capi base che prevedi di acquistare in futuro. Tieni solo i capi che ami e che intendi indossare spesso.

Inoltre, ricorda: non è necessario buttare via qualcosa solo perché proviene da un marchio di fast fashion. La moda sostenibile consiste in ultima analisi nell’indossare ciò che già possiedi e nel tenere i vestiti fuori dalle discariche. Spesso possiamo dare nuova vita ai nostri vestiti con pochi semplici aggiornamenti, come l’orlo.

Per i capi che non indossi più che si indossano delicatamente, mettili da parte per venderli online. In alternativa, puoi rivenderli presso il tuo negozio di spedizione locale. I soldi che guadagni da questi articoli sono perfetti per investire in capi di qualità lungo la strada.

La tua terza pila è la pila delle donazioni. Questi sono i tuoi vestiti che sono molto amati ma non all’altezza degli standard di spedizione. Lasciali al tuo ente di beneficenza locale. Per gli indumenti danneggiati oltre l’usura, puoi trasformarli in stracci per la pulizia o trovare un centro di donazione di tessuti.

Soprattutto, inizia lentamente. Non devi togliere tutti i vestiti in una volta. Trascorri l’anno successivo scambiando lentamente una manciata di capi in cambio di uno o due pezzi di qualità alla volta. Ciò renderà il processo meno travolgente e più conveniente.

2. Scopri il tuo stile e crea look unici

È essenziale sentirsi sicuri e a proprio agio nei vestiti che indossiamo. Quando crei un guardaroba minimalista, abbandona le tendenze stagionali e pensa a uno stile unico Voi. Un guardaroba autentico e senza tempo rifletterà la tua personalità e ti farà sentire te stesso.

Chiediti: cosa voglio che i miei vestiti dicano di me? Quali tessuti e vestibilità mi sento più a mio agio indossando? Quali colori, modelli e accessori mettono in risalto il mio vero io e completano al meglio la mia personalità?

Prova a creare una moodboard con foto di abiti e look che ti parlano. Oppure prova questi suggerimenti per trovare e curare la tua estetica personale.

“Un guardaroba autentico e senza tempo rifletterà la tua personalità e ti farà sentire te stesso.”

3. Risparmia per articoli di base e acquista di seconda mano

Nessuna sorpresa qui: uno dei maggiori deterrenti alla costruzione di un guardaroba minimalista è il costo. L’abbigliamento di qualità di marchi etici è più costoso del fast fashion a causa dei tessuti sostenibili e durevoli e perché i lavoratori ricevono salari e salari equi (scopri di più sul costo della moda sostenibile qui). Tuttavia, questi indumenti possono essere fuori portata per molti di noi. Ecco alcuni trucchi per principianti:

  • Acquista di seconda mano. Contrariamente alla credenza popolare, i negozi dell’usato non sono solo per vestiti economici e mobili logori. Alcuni dei nostri capi preferiti e senza tempo sono stati scoperti sugli scaffali di negozi dell’usato senza pretese o online: abbiamo persino selezionato capi di abbigliamento pregiati di marchi sostenibili. Consulta le nostre guide per fare acquisti dell’usato con successo di persona e online.

  • Risparmia per articoli di grandi dimensioni e pezzi di base. Non pensare di dover uscire e sostituire il tuo guardaroba tutto in una volta. Inizia in piccolo e inizia a risparmiare per quegli articoli costosi, come raffinati gioielli minimalisti, cappotti invernali o denim di fascia alta, con mesi di anticipo. Quando costruisci un guardaroba minimalista, ricorda che stai pagando per la qualità piuttosto che per la quantità. Guardando il quadro generale e quanti soldi risparmierai nel tempo, può sembrare meno scoraggiante. Ciò è particolarmente vero quando pianifichi e prepari un articolo costoso.

  • Acquista le offerte. Molti dei nostri marchi etici preferiti scontano articoli stagionali e offrono codici coupon quando ti iscrivi alle loro newsletter. Approfitta di questi sconti quando costruisci il tuo guardaroba minimalista.

4. Prenditi cura dei tuoi capi

Con i marchi del fast fashion, i vestiti non sono fatti per durare più di qualche indosso, e può sembrare sciocco investire nella cura di un capo che costa meno di 20 dollari. Con un guardaroba minimalista, però, vorrai assicurarti di prenderti cura adeguatamente del tuo abbigliamento. Questo proteggerà i tuoi oggetti da danni accidentali e ti permetterà di indossarli per gli anni a venire.

Alcuni consigli per la cura: Lava i capi delicati a mano, investi in un piroscafo e appendiabiti in legno e scopri quali capi devi portare in lavanderia. Leggi i consigli di un costumista su come prenderti cura dei tuoi vestiti e leggi di più qui su come pulire correttamente i vestiti vintage.

5. Affidati alla tua comunità

Una preoccupazione comune nel mantenere un guardaroba minimalista è non avere vestiti per quelle occasioni speciali o stagioni uniche della vita. Che si tratti di abiti premaman, abiti da sposa o indumenti per le tue prossime vacanze, a volte abbiamo bisogno di un outfit che non sia da indossare tutti i giorni.

Un’opzione sono i siti di noleggio online. Sono ideali per occasioni uniche e poco frequenti.

Ci piace anche scambiare l’abbigliamento con gli amici e preferiamo questo metodo perché è molto più sostenibile e ha una bassa impronta di carbonio. È anche più divertente! Se sei curioso di sapere come trovare persone che la pensano allo stesso modo nella tua zona che stanno anche costruendo guardaroba minimalisti, dai un’occhiata alla nostra guida su come ospitare uno scambio di vestiti della comunità.

“Ci piace anche scambiare abbigliamento con gli amici e preferiamo questo metodo perché è molto più sostenibile e ha un’impronta di carbonio ridotta”.

6. Ricorda: questo è un viaggio

Costruire un guardaroba minimalista sta ridefinendo il modo in cui pensiamo allo shopping di abbigliamento e non vogliamo sorvolare su quanto possa essere difficile. Al primo avvio, può essere difficile non fare acquisti nei nostri precedenti negozi di riferimento. Apprendiamo quanto eravamo fedeli a determinati marchi. Scopriamo quanto fosse comodo passare al centro commerciale quando servivano vestiti per un colloquio o un nuovo paio di jeans. Può sembrare estenuante e frustrante, soprattutto quando i soldi sono pochi o non riusciamo a trovare l’articolo che stiamo cercando (ma sappiamo quali negozi di fast fashion lo avranno).

Ma ne vale la pena.

Sii paziente e gentile con te stesso. Costruire un guardaroba consapevole e minimalista è un viaggio come qualsiasi altra cosa nella vita, ed è pieno di curve di apprendimento e aggiustamenti. Ricablare il modo in cui pensi allo shopping può e sarà una sfida, ma la ricompensa vale la pena.

Sapere chi ha realizzato i tuoi vestiti, sentirti sicuro e fedele a te stesso in capi ben fatti, non avere un armadio pieno di magliette dimenticate e maglioni sbrogliati: ne vale la pena. Stiamo facendo questo viaggio insieme.

“Sapere chi ha realizzato i tuoi vestiti, sentirti sicuro e fedele a te stesso in capi ben fatti, non avere un armadio pieno di magliette dimenticate e maglioni sbrogliati: ne vale la pena.”


Kayti Christian (lei/lei) è caporedattore di The Good Trade. Ha conseguito un Master in scrittura di saggistica presso l’Università di Londra ed è la creatrice di Sentimenti non da parteuna newsletter per le persone sensibili.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *